Attenzione

se stai leggendo questo testo significa che il tuo browser non supporta i fogli di stile (CSS). Se stai usando uno screen reader, prosegui con la navigazione, altrimenti segui le istruzioni su come aggiornare il tuo browser.
 
Studio di Psicologia e Psicoterapia (logo)


Contenuti centrali

Psicoterapia

->

Individuale

->Il Logos->La psicoanalisi freudiana
 

La psicoanalisi freudiana


Esistono alcune regole che danno struttura alla situazione analitica. La prima è detta dallo stesso Freud: “fondamentale”.
Mediante essa l’analizzato è invitato a dire tutto ciò che pensa, che prova, che avverte, senza scegliere quanto gli sembra più giusto dire, senza omettere niente, anche se ciò che gli viene in mente può essere sgradevole da comunicare, o apparentemente privo di interesse o fuori proposito.
La regola fondamentale ha lo scopo di rendere più accessibile il determinismo inconscio, che, a livello cosciente, può manifestarsi proprio attraverso idee improvvise, disorganizzate e casuali.
Essa pone quindi alla base del trattamento psicoanalitico il metodo della libera associazione, mediante la quale Freud pensava di aver definitivamente superato le metodologie ipnotiche che venivano praticate prima della psicoanalisi, che non consentivano al paziente di prendere coscienza dei contenuti inconsci che via via emergevano nel corso del lavoro psicoterapico
Un’altra regola è detta dello “specchio” .E’ fondamentale che il paziente venga messo nella condizione di poter proiettare e trasferire sull’analista stesso, appunto, come uno specchio, in cui non appaiono altre cose se non le proprie. Necessario soprattutto che il paziente non venga a conoscenza di particolari della vita dell’analista, che potrebbero disturbare questa operazione di trasferimento, il cosiddetto, appunto, transfert .
Una terza regola che serve ad organizzare il rapporto analitico è quella dell’ “astinenza” , che obbliga l’ analista a non dare soddisfazione alle richieste del paziente e a non svolgere i ruoli che egli tende ad imporre.
La regola dell’astinenza tende ad evitare che la quantità di libido liberata dal lavoro analitico venga immediatamente reinvestita su oggetti esterni e quindi scaricata in modo diverso rispetto alla modalità dell’espressione verbale , la sola che consente di mantenere il trasferimento della libido stessa nella situazione analitica.