Attenzione

se stai leggendo questo testo significa che il tuo browser non supporta i fogli di stile (CSS). Se stai usando uno screen reader, prosegui con la navigazione, altrimenti segui le istruzioni su come aggiornare il tuo browser.
 
Studio di Psicologia e Psicoterapia (logo)


Contenuti centrali

Dr. Prof. Giorgio Burdi

Settimanale Psicologo Bari : Star Bene Soli, per star bene con gli altri.

22/06/2014[Indietro]

Settimanale Psicologo Bari : Star Bene Soli, per star bene con gli altri.

Dal benessere della solitudine al successo




La vita emozionale precoce è caratterizzata inevitabilmente da esperienze di perdita e recupero creando un “gioco” tra mondo interno e mondo esterno che resterà operante per tutta la vita.

Diversamente dal senso comune che definisce la solitudine come assenza oggettiva di compagnia esterna, la studiosa M.Klein definisce la solitudine interiore come una condizione intrapsichica originaria nei primissimi anni di vita.Cosa succede in questa fase?

Attraverso l’allattamento l’inconscio del neonato e quello della madre entrano in stretto contatto così che , se la relazione è sana, il neonato si sente emotivamente compreso. Questa condizione di piena soddisfazione viene poi frustrata con la fine dell’allattamento vissuta dal neonato come perdita e conseguente stato depressivo, alternata ad angoscia persecutoria.

L’allontanamento della madre nel processo di crescita solitamente viene percepito dallo stesso come perdita, abbandono e paura della morte. E’ proprio questa paura a giocare un ruolo importante sul senso di solitudine.Quanto più forti saranno le angosce depressive e di persecuzione che l’infante sperimenta, quanto sarà piu forte il senso di solitudine.

Invece, una riduzione del senso di solitudine può avvenire nella misura in cui i fattori interni ed esterni, ovvero tutto ciò che viene “assimilato” dall’ ambiente esterno o rivolto verso l’ambiente esterno, sono integrati.

Se per i bambini una difesa contro il senso di solitudine interna è identificata nel suo bisogno di dipendenza dalla madre, nell’adulto può essere identificato nel cercare stima e successo.

Questo orientamento dell’adulto, sempre che venga preservata la fiducia in se stessi che necessita di radici ben solide, rappresenta simbolicamente il bisogno infantile originario di essere apprezzato dalla madre.

alessia potere
___________
Studio BURDI
www.burdi.it | www.sessuologoclinico.com |
www.psicologo-psicoterapeuta-roma.com | www.psyonline.it |
Facebook : giorgio burdi