Attenzione

se stai leggendo questo testo significa che il tuo browser non supporta i fogli di stile (CSS). Se stai usando uno screen reader, prosegui con la navigazione, altrimenti segui le istruzioni su come aggiornare il tuo browser.
 
Studio di Psicologia e Psicoterapia (logo)


Contenuti centrali

Dr. Prof. Giorgio Burdi

Settimanale Psicologo Bari : il più grande atto di ribellione è la più grande forma di dipendenza

13/06/2014[Indietro]

Settimanale Psicologo Bari : il più grande atto di ribellione è la più grande forma di dipendenza

Il ribelle è una persona libera ?


Il più grande atto di ribellione è la più grande forma di dipendenza
Il ribelle è una persona libera ?

Mi ricordo nell' adolescenza quando mio padre mi imponeva i suoi dictat, mi indicava che si faceva così e basta, ed io ribadivo con i miei mille, perché ? 

Al solito non vi era risposta. Sarà stato per stanchezza o perché lui doveva obbedire a sua volta ai dogmi generazionali, sistematicamente per convenevoli, venivocondannato allo sbaglio perenne, ad eseguire l'esatto suo contrario delle Imposizioni .

I comandi non reggono e nello spirito di contraddizione mi sentivo libero di pensare e di agire in opposizione a lui.

Ero pronto a contraddirlo, il mio orientamento obbligato nella direzione opposta e contraria alla sua.

La mia vita ha preso sempre tante direzioni divergenti al mio volere, solo obbedendo ad un contraddittorio e ad  una direzione che non era la mia.

Non c'è coscienza in tutto questo, ma un impulso irrefrenabile che non realizza nulla per se.

In queste opposizioni, quanta perdita di autonomia.Così  Pensiamo di agire liberi, ma siamo orientati verso una scelta obbligata e contraria che si impone.

Ci cambia il percorso, il destino, gli eventi, gli incontri e i progetti, perché fuggiamo dai conflitti, da risposte mancate e mai date.

Le nostre attuali stasi, derivano da percorsi di risposte e parole rassicuranti e rigeneranti non date, generatrici di rabbie ribelli.

Avremmo potuto fare della nostra vita l' eccellenza se non avessimo obbedito ad un contraddittorio.

Non obbedire al tuo spirito di contraddizione, in esso non ci sei tu, ma il dictat di un imponente ed invadente interlocutore mentale inconscio.

Impara ad Ascoltare quel timido Te, quella Tua esile voce sottile, se la ascolti la sentirai sempre più forte e prepotente, evita di sentire spesso il Tuo ribelle, che affievolisce l' obiettività, perché chi si impone non dialoga e non sa dove ti conduce, perché lui stesso non sa  in quale direzione è stata condotta la sua storia, ma non evitare di ascoltare gli altri, perché un rispettoso confronto rischiara le idee.

giorgio burdi

__________
Studio BURDI
www.burdi.it | www.sessuologoclinico.com |
www.psicologo-psicoterapeuta-roma.com | www.psyonline.it |
Facebook : giorgio burdi