Attenzione

se stai leggendo questo testo significa che il tuo browser non supporta i fogli di stile (CSS). Se stai usando uno screen reader, prosegui con la navigazione, altrimenti segui le istruzioni su come aggiornare il tuo browser.
 
Studio di Psicologia e Psicoterapia (logo)


Contenuti centrali

Dr. Prof. Giorgio Burdi

Gli obblighi di famiglia, fanno la malattia ?

03/04/2012[Indietro]

Gli obblighi di famiglia, fanno la malattia ?

.... sono alle radici dei miei attacchi di panico, non voglio più avere il senso di obbligo, così come non desidero avere più le mie crisi di panico in assoluto... basta .



Come tutte le bambine anche io sin da piccola ho sempre sognato ad occhi aperti il giorno del mio matrimonio..un sogno che per me si è coronato circa due anni fà.. ma la bambina di un tempo che ora era diventata quasi una donna non immaginava che si sarebbe sposata non solo con l’uomo che amava, ma anche con tutta la sua famiglia, e a dover fare i conti con una serie di irrinunciabili obblighi..

Per una serie di spiacievoli episodi vissuti durante la mia vita (ad es.. un lutto che mi ha molto colpita..) ho iniziato circa 6 anni fà a soffrire di attacchi di panico ma riuscivo a gestirli da sola e a condurre una vita normalissima..in questi 6 anni infatti ho conosciuto appunto colui che adesso è il mio attuale marito.

Il nostro fidanzamento è durato 5 anni in cui ci siamo molto amati ed infatti abbiamo sentito l’esigenza di sposarci per essere liberi. Nessuno di noi immaginava che invece il matrimonio ci avrebbe reso schiavi ! 

Ho iniziato infatti ad avvertire un senso di soffocamento, e gli attacchi di panico si intensificavano sepre più, che non mi faceva più condurre una vita normale e che da sola non riuscivo a gestire ed è da quel momento che è iniziato il mio percorso di analisi presso lo psicologo psicoterapeuta di Bari, dal Dott. Burdi.

Per rendere l’idea di cosa intendo per obblighi di famiglia... : la domenica bisogna andare a mangiare a casa dei genitori... e non si è liberi nenche di pranzare con amici o meglio ancora soli a casa in pigiama perchè i suoceri si offendono... la domenica mattina appena svegli ti chiamano e si auto invitano per un caffè ( e visto che durante la settimana non si riesce mai a fare colazione insieme vorresti almeno la domenica farla in intimità ).., 

la situazione si è aggravata dalla nascita del mio piccolo... ci raggiungerebbero in vacanza anche in sud africa pur di non lasciarci in pace.. vi dico che mio suocero l’altro giorno ci ha detto esplicitamente che quest’ estate ovunque ci dovessimo trovare a mare, lui ci raggiungerà ovunque in capo al mondo.... . Ma che vita è ormai questa ?mi sembra di vivere in gabbia e poi discussioni infinite.... ma non si rendono conto che fanno del male ai figli ?

Lasciateci liberi e proprio il caso di dire LIBERI DI RESPIRARE perchè è tutto questo che realmente mi sta togliendo l’aria!! E' diventata una relazione ed una vita impossibile, non era questo che la piccola bambina sognava ad occhi aperti.... sono alle radici dei miei attacchi di panico... non voglio più avere il senso di obbligo, così come non desidero avere più le mie crisi di panico in assoluto... basta .

Marina