Attenzione

se stai leggendo questo testo significa che il tuo browser non supporta i fogli di stile (CSS). Se stai usando uno screen reader, prosegui con la navigazione, altrimenti segui le istruzioni su come aggiornare il tuo browser.
 
Studio di Psicologia e Psicoterapia (logo)


Contenuti centrali

Dr. Prof. Giorgio Burdi

La psicologia dello svelamento di sé.

29/12/2012[Indietro]

La psicologia dello svelamento di sé.

Una danza armoniosa tra i diversi aspetti del mondo intrapsichico





Avere il coraggio di impadronirsi della propria vita interiore affrontando gli abissi che la caratterizzano è un aspetto fondamentale per integrare le dimensioni primitive dell’architettura psicologica.


Questo lungo e tormentato percorso, chiamato individuazione, è caratterizzato da crisi psicologiche che emergono quando c’è uno svelamento di sé, ovvero quando permettiamo al materiale inconscio di venire a galla.


La crisi di per sé puo’ comportare un forte disorientamento rispetto alle coordinate conoscitive dell’individuo stesso ed è caratterizzato da sentimenti di dubbio e vergogna.


Da dove nasce, quindi, il timore di rendersi trasparente allo sguardo esterno?


Il senso di vergogna nasce dal confronto diretto tra il nostro mondo soggettivo e il mondo esterno spesso vissuto come prigione.


Per evitare di perdersi nella dimensione della vergogna bisognerebbe accettare che gli aspetti piu’ misteriosi della psiche siano legati a modalità originarie di funzionamento.


In tale ottica, rinunciare a realizzare la propria completezza sarebbe un vero reato contro se stessi.


Alessia Potere Psicologa