Attenzione

se stai leggendo questo testo significa che il tuo browser non supporta i fogli di stile (CSS). Se stai usando uno screen reader, prosegui con la navigazione, altrimenti segui le istruzioni su come aggiornare il tuo browser.
 
Studio di Psicologia e Psicoterapia (logo)


Contenuti centrali

Dr. Prof. Giorgio Burdi

Settimanale Psicologo Bari : LE EMOZIONI SI SCIOLGONO CON LE PAROLE

25/09/2017[Indietro]

Settimanale Psicologo Bari : LE EMOZIONI SI SCIOLGONO CON LE PAROLE

Come l’ ago che sbroglia le reti



LE EMOZIONI SI SCIOLGONO CON LE PAROLE
Come l’ ago che sbroglia le reti


Le emozioni sono reazioni di adattamento ed accomodamento del soggetto  all’ ambiente circostante e ai suoi pensieri. Esse ci indicano la condizione di piacere o di pericolo che suscita l’ ambientale nel quale è inserito. Le emozioni vengono avvertite fisicamente sotto forma fisiologica.

Possono essere solitamente viscerali o comportamentali sotto forma di rilassatezza o irrequietezza o di impulsività, iperattività ADHD, aggressività, capricci o indisponenza nel caso dei bambini e possono attivare processi distrattivi o concentrativi del pensiero.

Le emozioni rendono fluido l’ animo o riescono ad annodarlo, quando divengono insopportabili vengono manifestate comportamentalmente o sotto forma di dolori fisici, psicosomatici, oppure vengono mentalizati sotto forma di ansie, fobie, attacchi di panico ect.

In psicoterapia, le emozioni propongono la necessità di essere lette e capite, desiderano aiutarci nel comprendere le loro cause.

Le emozioni sono gli indicatori di avaria o di gratificazione sul cruscotto della mente e del nostro corpo. Il problema delle emozioni è riuscire a collegarle alla gamma degli eventi o dei pensieri. Esse producono sempre reazioni che propongono conflitti specifici o piacevolezze.

Difficilmente colleghiamo una emozione agli eventi, serve un lavoro di consapevolezza per poterli connettete.

In psicoterapia viene fatta una lettura dall’ emozione della rabbia ad esempio, al collegamento ai fatti che possono averla prodotta. Serve un dialogo sereno, collaborativo e rilassato per allacciarsi a tali collegamenti, per ovviare di imbattersi in meccanismi di difesa che ostacolano lo schiarimento.

La parola e l’ ascolto sereno, collegano, sciolgono gli enigmi, intercettano le cause delle emozioni, dissolvono sensazioni e comportamenti, come l’ ago che in uno slalom di giro volta continuo, rammenta e sbroglia le reti.

L’ analisi attraverso la parola e l’ascolto, è un ricamo delicatissimo sul cerchietto, che rammenta, ricostruisce la trama, scioglie i nodi e delinea il disegno sulla base dei colori delle emozioni.

giorgio burdi