Attenzione

se stai leggendo questo testo significa che il tuo browser non supporta i fogli di stile (CSS). Se stai usando uno screen reader, prosegui con la navigazione, altrimenti segui le istruzioni su come aggiornare il tuo browser.
 
Studio di Psicologia e Psicoterapia (logo)


Contenuti centrali

Informazioni su…

->

Psicologo, psichiatra, neurologo o.?

->Neurologo

Psicologo, psichiatra, neurologo o.?

 

Il Neurologo


La terapia neurologica non va confusa con quella psichiatrica, nè con quella psicoterapeutica.
La neurologia si occupa del vasto campo delle malattie organiche del sistema nervoso e non delle conseguenze psicologiche delle malattie stesse, delle quali invece ci si occupa in primis psichiatricamente nei casi delle grandi malattie mentali e in primis psicoterapeuticamente nei casi delle medio-lievi.
Il neurologo e lo psichiatra tuttavia sono molto affini nelle loro specializzazioni, per potere diagnosticare la componente organica quando vi sono disturbi psicologici. Lo sono di meno quando si tratta di applicare la terapia multimodale, cioè psicoterapia + farmaci, perchè il neurologo è molto meno formato dello psichiatra sul cervello psichico, cioè sulle funzioni psicologiche del sistema nervoso centrale, così come lo psichiatra è molto meno formato del neurologo sul versante neurologico del sistema nervoso centrale. Quindi le due specializzazioni coincidono abbastanza a livello diagnostico, ma si divaricano a livello terapeutico multimodale. Possono affiancarsi nuovamente quando si applica la monoterapia farmacologica, cioè a prescindere dalla psicoterapia, in quanto la prescrizione farmacologica è un atto medico destinato al controllo dei sintomi. Come visto in altre pagine del sito, però, questa prassi di prescrizione psicofarmacologica isolata, è da escludere il più delle volte, nella psicopatologia medio-lieve, dove invece va abbinata alla psicoterapia.
In sostanza, in psicopatologia è buona prassi applicare un approccio interdisciplinare dalla diagnosi fino alla terapia, coordinandosi gli specialisti del versante organico, con quelli del versante psicologico, giusto per le rispettive diverse e distinte formazioni e competenze, che non sono e non devono essere sovrapponibili.